CRONACA SEMISERIA DI UNA RIUNIONE PROGRAMMATORIA SU TEMI SANITARI

Sergio Luzzi Galeazzi

La scena si svolge alcuni anni fa negli uffici del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ma va bene anche al Ministero della Salute. Fate Voi.

Ordine del giorno: lo sviluppo informatico in sanità

Partecipano:

  • Sottosegretario Sanità

  • Direttore generale Ministero della Salute

  • Sottosegretario Ministero Economia e Finanze

  • Direttore generale Ministero Economia e Finanze

  • Funzionario Ministero Economia e Finanze

direttore sanità, introducendo il problema:

Vi rammento quanto previsto già nell’art. 50 relativamente alla trasmissione delle ricette.

Non abbiamo ancora ottenuto l'invio sincrono dei dati della ricetta dai farmacisti nonostante gli incentivi economici messi in campo.

L'invio dei dati avviene entro il 10 del mese successivo e con molta attenzione a non penalizzare quelle farmacie che sbagliano ...

sottosegretario sanità, richiamando l'attenzione di tutti:

Non possiamo rompere i coglioni ai farmacisti, sono una lobby troppo potente, il loro guadagno passa anche attraverso impicci che fanno con le ricette, lo sappiamo benissimo, ma se ci mettiamo di traverso, ci rivoltano contro i cittadini, i giornali e quant’altro, politicamente non va affatto bene! Sarebbe come tagliarseli … “i coglioni”.

funzionario MEF, fingendo di pensare:

Visto che i farmacisti le ricette in tempo reale non ce le danno perché allora non ce le andiamo a prendere direttamente da chi le fa?

sottosegretario MEF, effettivamente stupito:

E chi le fa?

direttore sanità:

Beh, di fatto, le fanno solo i medici di medicina generale.

funzionario MEF, chiudendo il cerchio con aria saccente:

Allora le andiamo a prendere lì, così con l'occasione risparmieremo un sacco di soldi eliminando la ricetta rossa in filigrana, potremo anche confrontare le ricette fatte dai medici di medicina generale con quelle che ci inviano le farmacie e contemporaneamente costringere le farmacie, che dovranno a questo punto a recuperare la ricetta del medico di medicina generale dal sistema centralizzato, ad erogare i farmaci prescritti ma nello stesso tempo a fare anche la tariffazione on line.

sottosegretario MEF:

Bravo, idea brillante!!

sottosegretario sanità, in verità preoccupato:

Ma questa cosa che comporterà al medico di medicina generale?

direttore MEF, scocciato:

Beh, nulla.

Non sta li apposta a fare le ricette?

Quando serve per me, fra traffico, benzina, parcheggio, multa per divieto di sosta, fila dalla segretaria, fila per la firma, per ottenere una sola ricetta su cui voi della sanità mi avete anche messo il ticket .... ma fatemi il piacere!

IO me lo compro il farmaco, pezzenti!!!!

direttore sanità, indignato con il dito indice che punta il collega:

Caro collega, ma quello che succede a Lei direi che non fa testo, la maggioranza della popolazione è in sofferenza.

Bisogna vedere qual è l'impatto pratico, che ne pensano le organizzazioni sindacali dei medici di medicina generale, le linee telefoniche, le reti ...

Non mi pare una cosa semplice.

sottosegretario sanità, sogghignando con soddisfazione:

… in questo modo tutti i pazienti che si rivolgono alla farmacia direttamente facendosi anticipare tutti i farmaci che gli occorrono che poi ci pensa il farmacista a farsi fare la ricetta saranno fortemente penalizzati!

D'altra parte se il Premier dice che l'evasione fiscale è tollerabile poiché le aliquote sono troppo alte, figuriamoci l'anticipazione dei farmaci...

sottosegretario MEF:

Ma collega onorevole che sta dicendo?

sottosegretario, sanità stavolta irretendo il direttore MEF:

Esattamente la verità!

L'unico che ha problemi mi pare di capire è il direttore del MEF che ancora fa la fila per le ricette!!!

Ora basta con le polemiche.

Bisogna procedere per gradi.

Consideriamo che anche i medici di medicina generale sono in grado di influenzare politicamente i cittadini anche se non come i farmacisti, sicuramente sono sindacalmente meno compatti ...

Prima di decidere dobbiamo sentire che ne pensa il MINISTRO...

direttore sanità:

Ma chi si occuperà di fare questo progetto informatico?

Mi pare abbastanza complesso, reti... collegamenti... ricette... tempo reale...

funzionario MEF:

Ma ovviamente se ne occuperà SOGEI!

Come hanno fatto l' “unico on line” faranno la "ricetta on line" e quant'altro ... e che ci vuole, basta pagare!!!

direttore sanità, con un rivolo di sudore che scende dalla fronte:

Beh, io sono francamente preoccupato ... ripeto, bisogna procedere con calma, condividere, coinvolgere, fare campagna nazionale, invocare i risparmi e quant'altro utile al fine di far assorbire questa pillola a dose lenta!

Intanto perché non iniziamo con la certificazione di malattia on line?

Così proviamo il sistema e il cittadino si abitua!

I medici di medicina generale dovranno starci per forza: di fatto il certificato lo debbono fare per legge e il cittadino ci guadagna che non dovrà più portarlo al datore di lavoro!

tutti insieme:

Sì, sì, procediamo … e quando si saranno abituati passeremo alla ricetta on line!

Poi al fascicolo sanitario elettronico on line!

Poi agli interventi chirurgici on line a domicilio del paziente!

STAVOLTA SI CHE RISOLVEREMO IL PROBLEMA DEI POSTI LETTO!

E infine anche al funerale on line! Dopotutto non ci sono più posti per tumulare i cadaveri...!

BUONA GIORNATA A TUTTI ...

ALLA PROSSIMA!!!

Sostituzioni

Collegamenti

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore. Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.