Onofri Benedetto Paolo - Poesie 2014

Dalla postfazione al libretto di poesie in dialetto ternano in fase di pubblicazione da parte della Thyrus Edizioni.

 

"Benedetto Paolo Onofri, nasce il 23 marzo 1954 a Terni. Vive con la famiglia in Via Lungonera nei pressi del Ponte Romano finchè non si sposa nel 1985.

I luoghi della sua infanzia e adolescenza coincidono con quel piccolo mondo tra il fiume e la strada, con gli spazi che girano attorno e sotto la sua abitazione , nel gergo popolare chiamato " giù de sotto ".

Le relazioni fondamentali sono con quella decina di amici di gioco, con i componenti della sua famiglia, ma in particolare con la nonna Ulderica, cui era particolarmente affezionato.

Seguiranno gli anni dell' Università, nuovi amici, nuove esperienze.

Avvicinandosi il compimento dei suoi 60 anni ha avuto l' idea di rievocare in poesia alcuni eventi, alcuni luoghi , alcuni sentimenti ancora vivi nei ricordi della propria vita .

Ovviamente in dialetto ternano.

Aveva intenzione di farne dono agli invitati alla festa del suo compleanno.

C' è un pò di irriverente e sanguigna goliardia.

Ci sono tratti di nostalgia per persone che non ci sono più e per luoghi che inesorabilmente si modificano col tempo, ma anche spiritose rievocazioni di episodi esilaranti.

Ci sono dediche ad amici dell' Università.

Ci sono dichiarazioni che rivelano la sua natura liberale.

Insomma un po' di cose.

Il tutto per il poeta neofita è iniziato allo scorso Capodanno ed è terminato il giorno del suo compleanno il 23 marzo.

Ha dovuto riguardare la metrica.

Gli endecasillabi sono terribilmente limitativi se associati alla rima alternata o baciata.

Ha esperimentato la terzina dantesca, l' ottavina dell' Ariosto, ma per lo più la quartina e distico .

Alla fine ha concluso il suo lavoro e l' ha donato agli amici.

Sono giunti discreti apprezzamenti e richieste di farne una pubblicazione.

Quindi, anche per una sua personale e malcelata vanità, ha acconsentito a questa edizione."

 

Li pini de lu Lungonera

Li pini che da sotto casa mia

continuono pe' tuttu Lungonera

me so' sembrati, è statu l' andra sera,

'm pochittu più animati...come sia !

N' sarà che me succede, cristianucci,

come pe' li cipressi de Carducci ?

Macchè, macchè, era solu lu ventu.

Me sarebbe piaciuto de parlajje,

che ce n' aveo de che da raccontajje

a sti pini de tantu tempu tantu,

quanno d' estate, erimo 'na diecina,

giù pe' de sotto se facea vaccina.

Je deo certe 'ncargate su lu fustu

co' certi scoji grossi più de noi,

pe' fa' casca' giù li pinoli che poi

'rcapezzavamo su co' tantu gustu.

Si tu li vidi doppo cinquant' anni

la scorza fora porta anco' li danni !

Eh sci, cari pinetti de 'na vorda,

come vedete tuttu s' è cambiatu

a quarcuno de voi l' honno tajatu

e de me quann' ero fijo...chi s' arcorda ?

Mo' so' dottore a lu " centodiciottu".

Chi l' 'esse dittu 'n tempu a quillu pottu !

Betto - Terni 27/01/2014

 

Mi' nonna

Mi' nonna se jjamaa Urderica

stessimo sembre 'nsieme 'n compagnia,

anghi perché mi' madre stea via:

giraa sembre come 'na furmica .

Tornaa da lu lavoro solo a sera,

che stea fora la jornata 'ntera.

Siccome a nonna ji voleo bbene,

'na vorda me se dice che je dissi,

llà pe' la " Passeggiata " o pe' li pressi,

'na frase che 'gni tantu me rivene:

" Ah mamma, ....perchè te jjami nonna, ma' ? "

Che t' ago da di' ...'n significato c' ha !

Betto - Terni 26/01/2014

Li giochi de 'na vorda

Le femmine faceano a campana

Un due tre stella, sardi co' la corda.

Noiandri immece giochi de 'na vorda

A schicchere, a fionna, a cerbottana,

a figurine, a tingolo, a riarzino,

a acchiapparella e pure a fa' casino,

sardamontone, schiaffo del soldato,

a tappetti, a li quattro cantoni,

a nasconnece drento li bidoni,

tira' li sassi a quarche disgraziato,

ma lu più ganzo de tutti li giochi

era " barattulu francese": pochi

so' quilli che se ricordano ancora

de li regolamenti de 'stu gioco.

Sarebbe d' ardunacce 'n quarche loco

Pe' ritorna' a giocacce là de fora.

Giocao senza fa' 'n' andra faccenna....

...po' nonna me chiamaa pe' fa' merenna

Betto - 24 gennaio 2014

 

L'ex ICI

" ICI" , " IMU" , " TARSU" , "TARES" e " TASI".

Lu nome cambia , lu fattu rimane.

De la piggione infine su le mane

n' te ce rimane pocu e gnende quaci.

Perché n' gne mettemo nomi corretti?

" IND" , "ERC" , "ULO" e santi benedetti !

Betto - 08/02/2014

La cicala e la furmiga

" Ce sta 'n sistema angora più puzzone

per aumenda' la mole dell' endrate ?".

" Eccome no ! Du' condi...so' cazzate:

d' aumenda' l' IRPEF n' se pole propone,

....quindi aumendamo l' IRPEF sul passato !".

" Famme capi', che non te si spiegato ? ".

" T' arcordi la cicala e la furmiga ?

Beh.. la cicala la lasciamo perde';

le furmighe divenderanno mmerde,

parassiti, boja scanzafatiga,

evasori, gendaccia....l' hai capitu ?

Lu populu avrà d' esse' risarcitu.

Se farà 'na bbella Patrimuniale

ch' andro non è che n' IRPEF sul passato

su li risparmi ch' avevi sudato

doppo ave' pagato tassa statale.

Penza se che goduria le cicale!

Ma in fonno a tutti l' andri che je cale ?".

Betto - 28/02/2014

 

Lu Stato

Lu Stato senza l' ome non esiste,

immece l' ome esiste senza Stato.

Se po' sape' perché c' è capitato

de vive in uno Stato cucì triste

'ndo' se teni chiccosa ch' è lu tua

a da servi' a paga' li sbajji sua?

Lu Stato senza l' ome non se regge,

ma l' ome senza Stato se sostene

e quillu ch' è 'ncapace de fa' bbene

non pole sopravvive' su lu gregge.

Lu Governu che ce fa li debbiti

mo ce sta' a tratta' come li sudditi.

L' ha dittu Cicerone e pure Lokke,

anghi se Obbse ha dittu lu contrariu,

ognunu de " Lu sua" è proprietariu

n' se pole esse' svotati come brocche

Attente sa' a tira' troppu la corda

che la gende perbene s' arivorda !

Betto  - Terni 06/02/2014

 

Sessand' anni

Agh' io ce so' arrivatu a sessand' anni !

Che pu' , a pensacce bbene, pare strano,

penzao d' avecce morti più malanni

e immece m' aritrovo quaci sano.

Lu fattu che me mette più 'mbressione,

ma me cce sto abituanno piano piano,

è che non me credeo che le persone

m' avrebbero trattato come 'n vecchio,

....a me , che sendo angora l' emozione

de quella giovendù che da parecchio

me porto drendo e non invecchia mai,

...ma quanno che me guardo la' lu specchio

vedo li tratti avvicinasse assai

a quelli de mi' padre all' età mia

quann' era vivu; è tantu tempu ormai.

Dome' , te lu ricordi amicu mia

'llu sessandenne , se jjamaa Arditi,

che ce jjamaa spesso a casa sia ?

Noi c' avevamo vend' anni finiti;

ce chiedea traduzioni de frangese;

jje facessimo pezzi bben riusciti.

Te ricordi ? 'Gni tandu era palese

che ce ' nvidiaa pe' la giovinezza,

tantu che 'n giornu fu pocu cortese:

disse : " Quand' anni c' ete, 'n gran franchezza ? "

Je rispondemmo : " Vendi" e quillu fece:

" Che bucio de culo ! " ...Ve' che tristezza

quanno l' età che passa te fa spece

e vorresti fermalla a " quella bbella",

che po' 'n se sa qual' è, se quella o immece

quarch' andra sotto la prossima stella.

Lu corpu cambia, come voi che sia,

ma l' anima rimane sembre quella.

Betto . 23 marzo 2014

Sostituzioni

Collegamenti

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore. Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.