payday loans
2015 settembre - Infortuni sul lavoro e malattie professionali: obbligo per tutti i medici di denuncia telematica all'INAIL

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI: OBBLIGO DI DENUNCIA TELEMATICA ALL'INAIL

COMUNICATO STAMPA FNOMCeO

Dal 23 settembre,qualunque medico che presti la prima assistenza a un lavoratore infortunato sul lavoro o affetto da malattia professionale è obbligato a rilasciare certificato ai fini degli obblighi di denuncia e a trametterlo esclusivamente per via telematica all'Istituto Assicuratore. Questo prevede l'art. 21 del D.Lgs. 151/15, che modifica l'art. 53 de lDPR 1124/65, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 221 del 23-9-2015.

Tale obbligo, che riguarda la diretta ed estesa responsabilità professionale e che comporta problemi organizzativi rilevanti per imedici- come evidenzia la FNOMCeO in una lettera inviata al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin -, è stato deliberato senza alcuna consultazione dell'Organo Istituzionale che regola la professione (FNOMCeO).

Due i punti di maggior criticità derivanti dal decreto legislativo:

1) l'estensione dell'obbligo di certificazione telematica di infortunio lavorativo si configura in modo analogo a una "denuncia" per qualunque medico presti la prima assistenza a un lavoratore infortunato sul lavoro. Ciò comporta inoltre la necessità di accreditare al sistema informatico dell'INAIL tutti gli iscritti all'albo, presupponendo il possesso di strumenti informatici e connettività adeguati.

2) obbligare tutti i professionisti ad accreditarsi e ad utilizzare i servizi telematici dell'INAIL per svolgere un'attività che, in assenza di qualsiasi convenzione con l'Istituto Assicuratore, si configura come libero professionale, è incongruo e difficile sotto il profilo organizzativo, poco utile e oneroso per i cittadini interessati.

Ancora una volta, la semplificazione dei compiti della Pubblica Amministrazione viene posta a carico dei professionisti e dei cittadini.

La FNOMCeO ha chiesto un incontro, in tempi brevi, con il Ministero della Salute per proporre i necessari correttivi.

Questa nuova incombenza burocratica è l'ennesimo motivo di disagio e difficoltà per la professione medica e si aggiunge alle numerose motivazioni della mobilitazione di tutti i colleghi già indetta, in accordo con Sindacati Medici e Società Scientifiche, per le prossime settimane.

 

Art. 21 D.Lgs. 151/15 recante "Semplificazioni in materia di  adempimenti formali concernenti gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali".
...
Qualunque medico presti la prima assistenza a un lavoratore infortunato sul lavoro o affetto da malattia professionale e' obbligato a rilasciare certificato ai fini degli obblighi di denuncia di cui al presente articolo e a trasmetterlo esclusivamente per via telematica all'Istituto assicuratore.
Ogni certificato di infortunio sul lavoro o di malattia professionale deve essere trasmesso esclusivamente per via telematica all'Istituto assicuratore, direttamente dal medico o dalla struttura sanitaria competente al rilascio, contestualmente alla sua compilazione.
La trasmissione per via telematica del certificato di infortunio sul lavoro o di malattia professionale, di cui ai commi ottavo e nono, e' effettuata utilizzando i servizi telematici messi a disposizione dall'Istituto assicuratore. I dati delle certificazioni sono resi disponibili telematicamente dall'istituto assicuratore ai soggetti obbligati a effettuare la denuncia in modalita' telematica, nel rispetto delle disposizioni di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, e successive modificazioni.

...

 
 3920 visitatori online