payday loans
2013_12_20 - L'Ordine e i temi ambientali

Venerdì 20 dicembre 2013

L'Ordine dei Medici, in relazione all'acceso dibattito che si è sviluppato nella nostra comunità sull'ambiente, ha deciso di intraprendere alcune iniziative per offrire il proprio contributo su un problema delicato e molto sentito dalla popolazione.

L'Ordine dei Medici, infatti, non può essere vissuto come un "club vuoto" per la difesa acritica della categoria, ma deve diventare, sempre più, una Istituzione che ha radicato il proprio senso etico per garantire al cittadino appropriatezza e qualità delle cure e per promuovere idonee politiche sociali ed ambientali.

Un articolo del Codice di Deontologia Medica stabilisce il comportamento che il medico deve tenere: "considerare l'ambiente nel quale l'uomo vive e lavora quale fondamentale determinante della salute dei cittadini. Il Medico deve favorire e partecipare alle iniziative di prevenzione, di tutela della salute nei luoghi di lavoro e della promozione della salute individuale e collettiva".

E' intenzione della Categoria realizzare una presenza più incisiva nei confronti dei temi ambientali.

Per realizzare questo ambizioso obiettivo, nel prossimo mese di gennaio, si terrà a Terni, una riunione della Consulta Deontologica Nazionale per discutere vari aspetti della deontologia con particolare riguardo al tema ambientale.

Purtroppo a questa doverosa sensibilità non corrisponde, nei confronti dell'istituzione ordinistica, altrettanta considerazione da parte delle Istituzioni Locali.

Questa affermazione, che non può essere smentita da chicchessia, trova, ad esempio, riscontro

nella partecipazione "simbolica" che ci è stata concessa presso il Comitato Scientifico dell'Osservatorio Provinciale Ambiente e Salute della Provincia di Terni.

L'Ordine di Terni ha accolto con grande entusiasmo la recente costituzione nella nostra città, come è avvenuto in altre realtà del nostro Paese, dell'Associazione Medici per l'Ambiente che "persegue la promozione e la diffusione delle conoscenze e per l'organizzazione di eventi finalizzati primariamente alla protezione ambientale", con la quale intende collaborare, non certo in contrasto con le istituzioni, quanto, invece, per esercitare una presenza libera e di qualità.

L'Ordine, inoltre, assumerà, nel prossimo futuro, alcune iniziative per sviluppare una cultura ambientale presso le scuole e gli ambienti di lavoro, anche attraverso l'organizzazione di un convegno, aperto a tutti i soggetti interessati e quindi anche alla cittadinanza, per individuare soluzioni possibili e percorribili al fine di attenuare una situazione divenuta intollerabile con la messa in campo di azioni non più rinviabili.

L'Ordine dei Medici è del parere che non si possa continuare a constatare gli "sforamenti" in assenza di interventi per migliorare la qualità di vita della nostra comunità.

L'Ordine dei Medici è consapevole che il problema ambientale è strettamente connesso al lavoro e agli aspetti occupazionali, ma ciò non può giustificare il "non fare".

E' terminato il tempo della riflessione è giunta l'ora di agire.

In conclusione l'Ordine dei Medici, ribadisce ancora una volta, la propria disponibilità ad una concreta e fattiva collaborazione con le Istituzioni per mettere a disposizione della collettività le competenze di cui dispone.

L'Ordine dei Medici, non intende sollevare inutili e improduttive polemiche che, ovviamente, non producono effetti positivi e per questa ragione, ha chiesto un incontro al Sindaco di Terni per perseguire, insieme, l'obiettivo, stabilito dal Codice di Deontologia Medica, di garantire alle attuali e future generazioni la fruizione di un ambiente vivibile in cui salute individuale e collettiva siano fondamento e finalità primaria di crescita civile .

IL PRESIDENTE

Dott. Aristide Paci

 
 5616 visitatori online